preparare i file per il taglio laser

Una piccola guida utile per velocizzare e facilitare la lavorazione laser, in particolare il taglio del plexiglass, da file forniti dai nostri clienti.

Non dimenticate la regola numero 1:

se avete un dubbio chiamateci allo 0775.1860830 oppure contattateci cliccando qui.

FORMATO FILE

Il formato file di stampa accettati da Plexifaidate.it per tagliare a laser è il DXF.

Vediamo nel dettaglio:

Il formato DXF
files dxf

Il disegno deve essere necessariamente un file vettoriale del tipo vettoriale nel formato DXF di AutoCAD 2000.
Il formato DXF (Drawing Interchange Format o Drawing Exchange Format), è un formato per i file di tipo CAD (Computer Aided Design) creato da Autodesk®, come soluzione per scambiare dati tra il
programma AutoCAD® e altri programmi. Attualmente la grande maggioranza dei software di disegno vettoriale (ad esempio Adobe Illustrator® o Corel Draw®), supporta il formato DXF ed è possibile esportare i files disegnati con questi programmi nel formato che a noi occorre.

IMPORTANTE, nei files DXF:

Il disegno deve essere contenuto in un quadro di dimensione massima 1000×1700 mm (verticale);
All’interno del file, tutti gli oggetti devono essere in scala 1a1.
Bisogna utilizza un unico layer per disegnare (layer 0 – quello di default): un secondo livello va inserito solo se, ad esempio, oltre al taglio, il lavoro ha bisogno di una marcatura.
Il disegno che deve essere in 2D e non 3D.
Il perimetro di taglio deve essere unico: non ci devono essere oggetti (linee, archi, cerchi, etc.) sovrapposti, perché in questi casi il laser passerà più volte sopra queste entità, aumentando
il tempo di taglio, il costo e causando una bruciatura scura nella relativa zona.
Gli oggetti che non devono essere tagliati a laser, devono essere cancellati dal disegno e non soltanto nascosti utilizzando opzioni Nascondi livello.
Gli oggetti fuori dal quadro del file devono essere cancellati.
E’ necessario preparare un file per ogni pannello da tagliare.


LETTERE IN PLEXIGLASS

Convertite i font in tracciato, sempre, in modo da non avere problemi di lettura files da parte del nostro sistema.